Volevo volare

Volevo volare, pensavo di volare sopra ogni recinzione, frontiera, barriera, frapposta fra me e la liberta’ E invece mi ritrovo a strisciare. Pensavo di volare e mi ritrovo a strisciare. Volevo aprire le braccia e le mani e invece mi ritrovo a pugni chiusi e gomiti spigolosi, gambe scalcianti e bocca serrata, cercadno un buco,…

I wanted to fly

I wanted to fly,  I thought to fly over every border, barrier, wall, built between me and freedom   I wanted to fly and I found myself crawling   I thought to fly and open my arms and hands and now I found myself with closed hands in punches and angular elbowls, searching a hole,…

Generazione nomade

Quando mi veniva a trovare mia nonna paterna di Salambe’ trovava sempre in tutto quello che facevo e non facevo il modo per dirmi con soddisfazione: Sei di Salambe’ proprio come la nonna! Quando passeggiavo con mia zia materna nella terra che era di mia madre, spesso mi chiedevano: e questa bambina a chi appartiene?…

Italia, Anno che non verrà

Italia, Anno che non verrà Aveva ragione mia zia a ripetere di aggiungere il mio cognome materno, italiano, al cognome di mio figlio. Io, invece, orgogliosa e anche un po’ altezzosa, pensavo: che sciocca, non succederà mai, mica siamo negli anni Venti in Germania? E ora, ora che ho paura che mio figlio possa essere…

Thealbero

Quest’Albero che vedemmo era misterioso e semplice a un tempo. Aveva un tronco robusto, antico, dalla corteccia rossiccia di sangue coagulato, di ferite guarite. Aveva rami larghi che tendevano al cielo e offrivano rifugio ai piccoli animali. Aveva radici profonde che affondavano nella Terra scura e fertile. Quest’Albero lo vedemmo la prima volta in una…

Find your Songlines, find your power SENEGAL

  Find you songline, find your power: Senegal “If i could only see that the secret of your wealth, power and beauty, comes from spirit. If only i would have asked to join you sacred fires and songs, history would have been different. And yet it went as it went and now as the thrust…

Grazie Fatima

“Paralizzate dai confini, le donne partorivano paesaggi e mondi interi”. “I sogni sono come i profumi, invisibili ma potentissimi (Fatima Mernissi, La terrazza proibita) Ti ho citato spesso nelle mie ricerche di corrispondenze tra approcci interculturali e approcci di genere, Ti ho letto tanto, sono stata sognante sulle terrazze della tua infanzia in Marocco e…

Un nostro laboratorio…

Un laboratorio di TheAlbero è uno spazio ludico e al tempo stesso profondo, in cui, attraverso il gioco, conosciamo noi stessi/e e gli altri/le altre, uno spazio creativo e di liberta’, in cui, quando creiamo, dispieghiamo le ali della liberta’ di espressione piu’ autentica e diventiamo narratori e narratrici della nostra storia, uno spazio di…

Immagini e Storie sulla diversità a scuola

Grazie ai ragazzi e alle ragazze della Scuola Pablo Neruda di Roma per essersi messi in cerchio con noi, per aver condiviso storie di esclusione, per essere andati in scena mostrando la solidarietà e la valorizzazione della diversità. Di seguito le loro riflessioni sul laboratorio*: un grande insegnamento di vita… di non fermarsi all’apparenza. in…

In nome della Madre, In the name of the Mother

In nome della Madre e’ stato un viaggio creativo, una ricerca estetica e un’installazione interattiva. Quando abbiamo iniziato, queste erano le nostre premesse e le nostre intenzioni: In nome della Madre perché vogliamo risanare il legame con la Madre Terra, vogliamo partorire nuovi mondi possibili, vogliamo essere guidati dai principi materni della cura e del…